Booking.com: che percentuale prende

Share on Facebook31Tweet about this on Twitter0Share on Google+4Share on LinkedIn1Pin on Pinterest0Print this pageEmail this to someone

Fondata nel lontano 1996 ad Amsterdam, Booking.com nasce come piccola start up olandese dalle grande potenzialità e si espande in un mercato, quello turistico, sempre più in evoluzione. Ad oggi è una delle aziende di e-commerce più importanti al mondo ed è diventato un vero e proprio leader nel settore viaggi. Stiamo parlando di una realtà che conta la bellezza di 17.000 dipendenti e 198 uffici dislocati in più di 70 Paesi!
Insomma, cifre da capogiro… ma qual è il segreto del suo successo? In realtà Booking.com non offre soltanto prezzi vantaggiosi e promozioni incredibili, ma consente anche di trovare case in affitto, mettendo a disposizione degli utenti appartamenti, attici e ville di qualunque tipo. Nell’articolo di oggi, quindi, condividiamo qualche informazione utile sia ai viaggiatori in cerca di pernottamenti scontati, che ai proprietari, desiderosi di sfruttare al massimo i propri immobili. Mettiti comodo e… buona lettura! 


Commissioni Booking: come funziona booking per i clienti?



Uno dei grandi vantaggi per i clienti di Booking.com è sicuramente il costo del servizio. Infatti, la commissione per gli utenti che decidono di rivolgersi a Booking è pari a zero. A differenza di altre piattaforme per affitti brevi e case vacanze, Booking non riserva brutte sorprese in fase di pagamento e non richiede spese aggiuntive o canoni fissi per poter procedere con la prenotazione. 
Dobbiamo ammettere che la presenza di immagini di qualità, la sicurezza delle recensioni, la comodità dell’applicazione e la semplicità dei filtri di ricerca contribuiscono a rendere questa OTA (acronimo di Online Travel Agencies) uno dei portali più utilizzati nel settore turistico e immobiliare. Così come avviene per Airbnb , Booking è una scelta da prendere in considerazione quando si parla di viaggi, vacanze e trasferte.


Commissioni Booking: come funziona booking per i proprietari?



Come mai tante persone scelgono di affittare la propria casa utilizzando Booking.com? Be’, ma è semplice… Inserire annunci, immagini e descrizioni è completamente gratuito! Inoltre, la commissione richiesta sul prezzo viene applicata solamente quando il proprietario riceve una prenotazione. Se  stavi valutando alcuni portali per affitti brevi e vorresti diventare a tutti gli effetti un proprietario Booking, basta seguire passo per passo le indicazioni del nostro articolo. 

Non dimenticare poi che Booking.com non sceglie il prezzo della struttura che i proprietari decidono di caricare sul portale e mettere a disposizione dei viaggiatori. Quindi, ogni volta che imposti un prezzo devi tener conto della percentuale trattenuta per l’attività di intermediazione. In più, devi sapere che, salvo casi particolari, su Booking nessun proprietario può rifiutare una prenotazione. Questo serve per garantire una continua disponibilità di alberghi, bed &breakfast e appartamenti ai possibili interessati.
Qual è la percentuale di Booking.com sulle prenotazioni?

Se è vero che gli utenti iscritti a Booking come ospiti possono usufruire a pieno titolo della sua convenienza – sia in termini  di costi che di comodità –, occorre fare un attimo due conti sulle percentuali applicate sulle prenotazioni. Quanto incassa il colosso del travel? Sicuramente un bel po’, visto che alla fine del secondo semestre del 2018 Booking Holdings (che comprende Booking.com, Priceline, Kayak e Rental Cars) esibiva profitti netti pari a 977 milioni di dollari. 

Tanta abbondanza deriva ovviamente dai costi applicati da Booking: la commissione base oscilla attorno al 15 – 18 %! C’è da dire però che questa viene addebitata al proprietario soltanto dopo che l’ospite ha saldato il pagamento ed effettuato il check-out. E ricordatevi che non è necessario essere in possesso di partita iva o POS per poter effettuare il pagamento! La fattura viene emessa una volta al mese e può essere saldata con carta di credito, bonifico e Paypal.

Un altro aspetto fondamentale per i locatori riguarda la disponibilità del calendario. Non scordarti mai di tenere aggiornate le date in cui vuoi affittare il tuo immobile! Questo perché Booking permette agli utenti di prenotare gli appartamenti a partire da dodici mesi prima dell’effettivo soggiorno fino all’ultimo secondo. 


Qual è la percentuale di Booking.com sugli affitti?



Finora, abbiamo già parlato delle percentuali trattenute dall’azienda sulle prenotazioni e adesso ci soffermeremo qualche secondo su un’altra importante questione: gli affitti. Affittare la propria casa utilizzando Booking.com (che sia una villa, un appartamento, un loft o una lussuosa dimora) comporta dei costi (non indifferenti!). Partiamo con una percentuale del 18% come base d’asta e arriviamo a commissioni più alte nel caso in cui si voglia rendere maggiormente visibile il proprio annuncio a livello pubblicitario.

Con percentuali più elevate, la promozione effettuata dal portale si intensifica: possibilità di inserire più foto e descrizioni particolareggiate, maggiore visibilità in Google, maggiore rintracciabilità su piattaforme partner e via dicendo. Inoltre, è da sottolineare che il servizio di affitto appartamenti di Booking richiede in genere un pernottamento minimo di 3 - 4 notti. Tale prerequisito è necessario per gestire e ammortizzare i costi di commissione pagati dai proprietari. 

Per concludere, tra i punti di forza di Booking spicca la possibilità di affittare la propria casa per il periodo di tempo desiderato. Se ad esempio preferisci mettere a disposizione il tuo appartamento solamente per un periodo limitato, anche solo per un mese all’anno, puoi benissimo farlo. Attenzione però all’overbooking: quando si commette l’errore di accettare più prenotazioni per le stesse date, allora bisogna contattare subito il servizio di assistenza per riuscire a risolvere il problema (altrimenti sono guai!)

Insomma, come tante altre società multinazionali focalizzate sui viaggi, Booking.com ha i suoi pregi e i suoi difetti: da un lato è pratico, sicuro e super gettonato; dall’altro, bisogna tenere conto delle commissioni e della poca flessibilità, cosa che potrebbe andare a discapito delle esigenze individuali. 

Se sei alla ricerca di un servizio chiaro, preciso e capace di farti risparmiare tempo, allora prova a dare un’occhiata alla nostra sezione dedicata agli affitti brevi. Affidati a veri professionisti! Ci occuperemo di gestire l’affitto del tuo appartamento dall’inizio alla fine e ti garantiremo il massimo della sicurezza e della comodità. Segui tutti i consigli e le offerte di The Best Rent anche su Facebook

Share on Facebook31Tweet about this on Twitter0Share on Google+4Share on LinkedIn1Pin on Pinterest0Print this pageEmail this to someone